quello che occorre sapere per usare la bici come mezzo di trasporto e nel tempo libero

MANUALE DEL CICLISTA
Tutto quello che vorresti sapere per andare in bicicletta

 

Click here to read English Version of this page to CALCULATE  BICYCLE FRAME SEAT HEIGHT - DISTANCE SADDLE - STEM IN ACCORDANCE WITH Bernard Hinault METHOD  English

  Rss Cliccare qui per rimanere sempre aggiornato con le novità del sito

Pedalare aiuta a stare con se stessi?

 

La condizione affinché ciò avvenga è che il Ciclista non si trovi immersi nel traffico o in situazioni pericolose ove la concentrazione si estrinseca fondamentalmente nel cercare di non andare all’ospedale.

Fortunatamente il Ciclista non si trova sempre in mezzo al traffico e probabilmente, nella maggioranza delle situazioni in Italia, pedala in contesti tranquilli che permettono di ridurre l’attenzione consentendogli di pensare e ragionare liberamente senza l’assillo di dover stare attento che qualche auto gli vada addosso.

Quando il Ciclista ha la possibilità di pedalare su strade tranquille può riempire la mente di pensieri e ragionamenti altamente produttivi. L’Uomo moderno ben difficilmente riesce durante la giornata ad assiemare qualche ora ininterrotta per pensare alla sua vita, a dirimere conflitti interiori, a fare progetti. Tolte le ore di sonno, quelle per lavorare, nutrirsi, lavarsi, cicaleggiare tramite i vari dispositivi tecnologici gli rimane ben poco tempo per rimanere solo con se stesso e quando ciò accade talvolta ne ha paura e allora procede nello stordimento riempiendosi il cervello di musica o con altre chiacchere.

Quello che viene avanti nella società moderna, senza che i più ne abbiano la consapevolezza, è l’occupazione dei cervelli, scientemente pianificata dai potentati che guidano il mondo, che disabitua l''individuo a trovare tempo di qualità per riflettere sulle questioni che lo riguardano con l’uso della ragione di cui ogni essere umano è dotato. Gli effetti di tale occupazione delle menti sono ben visibili a chi li vuole vedere: pensiero unico e conformismo perché chi non ha tempo e perde l''abitudine a ricercare le sue soluzioni ai suoi problemi trova subito pronte quelle di altri soggetti interessati che hanno già confezionato per lui. Ecco che i vantaggi ad usare in modo sistematico la bicicletta vanno ben oltre quelli notoriamente conosciuti aiutando addirittura l'Uomo a migliorare il rapporto con se stesso e a resistere alle forze che lo vorrebbero omologare.

Il Ciclista che ha la possibilità di pedalare qualche ora ininterrotta in condizioni di tranquillità, ovunque si trovi, può piazzare nel suo spazio mentale qualsiasi cosa e farla girare nella mente sino a trovare soluzioni spesso inaspettate alla questione(i) che lo assillano. Quanto sopra non è frutto di elucubrazioni teoriche ma il risultato del vissuto di chi scrive qui che con il passare del tempo ha scoperto l’elevata produttività e creatività del pensiero fatto mentre si pedala. Quando tale ‘scoperta’ si è palesata con nitidezza la ricerca della soluzione a problemi che necessitavano una ponderata valutazione sono stati messi nello spazio mentale girati e rigirati andando in bici e la soluzione alla fine è arrivata.

Riferimenti:
 
Link_to=http://www.repubblica.it/tecnologia/2018/01/26/news/alzate_la_testa_troppo_tempo_passato_sugli_smartphone_fa_male_alla_salute_e_al_morale-187355767/?ref=RHPPRT-BS-I0-C4-P1-S1.4-F4

 
Link_to1=http://www.lanuovabq.it/it/tag/iphone-adolescenti

Articolo 2776 aggiornato al 2018-08-30

 

Argomenti correlati

Allenamento in bici per Ciclisti over 70 anni per mantersi in salute
 
Pedalare aiuta a stare con se stessi?
 

Home     Storia     Disclaimer      Contatto   ©2011 ciclistaurbano.net