quello che occorre sapere per usare la bici come mezzo di trasporto e nel tempo libero

MANUALE DEL CICLISTA Click here to  access Bicycle Frame Size Calculator
Tutto quello che vorresti sapere per andare in bicicletta


  Rss Cliccare qui per rimanere sempre aggiornato con le novità del sito Ricevi le news via email

Sedici medici e ricercatori svedesi hanno preso carta e penna per scrivere una petizione e chiedere alle autorità sanitarie del proprio paese di sospendere la vaccinazione Pfizer

 
L’appello prende le mosse dall’articolo recentemente pubblicato dal British Medical Journal riguardo alle inadempienze di Vantavia, società subappaltatrice della sperimentazione di fase III del siero Pfizer. Come ormai noto, l’articolo si basava sulle rivelazioni di un ricercatore interno all’azienza, Brook Jackson, che dopo aver segnalato le gravi carenze che stava riscontrando ai suoi superiori ma senza riceverne esiti, decise di scrivere una lettera alla FDA, ricavandone pochi giorni dopo il licenziamento in tronco. Brook Jakson si rivolse infine a Paul Thacker, il giornalista autore dell’articolo, a cui consegnò anche una vasta documentazione di prove su quanto affermato.

“Riteniamo che ciò che il BMJ ha riportato sia estremamente grave. Mina la fiducia in Pfizer, che è responsabile della sperimentazione e della sicurezza del vaccino attualmente utlizzato dagli svedesi, centinaia di migliaia dei quali sono bambini”. È questo il severo giudizio che i medici danno dell’articolo, ma non finisce qui.

Il comunicato prosegue soffermandosi sulle reazione avverse: secondo i firmatari della petizione “l’entità del numero di sospetti effetti collaterali segnalati del vaccino covid è gigantesco, ad esempio in Svezia durante i dieci mesi in cui è stata effettuata la vaccinazione sono stati segnalati 83.744 effetti collaterali sospetti, ovvero oltre 10 volte di più rispetto a tutti gli effetti collaterali segnalati all’anno negli ultimi anni per tutti i farmaci e i vaccini, per un totale di circa 25.000 sostanze farmaceutiche”. Il comunicato si sofferma infine sulla effettiva copertura immunitaria che, sempre secondo i ricercatori si attenua bruscamente dopo pochi mesi e si manifesta debole contro la variante delta.

La conclusione non potrebbe essere più categorica: “Alla luce dell’articolo del BMJ e di ciò che sappiamo oggi sui rischi per il paziente, la nostra conclusione è che la vaccinazione Covid in Svezia dovrebbe essere sospesa fino a quando non verrano effettuati calcoli rischi/benefici per tutte le fasce d’età”.


Riferimenti:
 
Link_to=http://lakaruppropet.se/pressmeddelanden/

 
 
 

Articolo 4109 aggiornato al 2021-11-12

Home  -   Chi sono  -    Termini del Servizio   -    Contatto   -   Privacy Policy -    Cliccare qui per rimanere sempre aggiornato con le novità del sito Rss  - ©2011 ciclistaurbano.net