quello che occorre sapere per usare la bici come mezzo di trasporto e nel tempo libero

MANUALE DEL CICLISTA
Tutto quello che vorresti sapere per andare in bicicletta

 

Click here to read English Version of this page to CALCULATE  BICYCLE FRAME SEAT HEIGHT - DISTANCE SADDLE - STEM IN ACCORDANCE WITH Bernard Hinault METHOD  English

  Rss Cliccare qui per rimanere sempre aggiornato con le novità del sito

Si bruciano più calorie camminando o andando in bici?

 

I valori di consumo calorico che seguono hanno valenza indicativa perché, come verrà spiegato in fondo all'articolo, dipendono dall'allenamento del soggetto a compiere un determinato lavoro muscolare.

Un pedone che pesa 75 Kg cammina un’ora in pianura consuma circa 300 calorie, se egli pedala in pianura, su strada asfaltata, per un’ora, con pedalata tranquilla, consuma le stesse calorie ma percorre almeno 15 Km mentre il pedone nello stesso tempo percorre circa 6 km.

A parità di tempo impiegato si consumano quindi le stesse calorie ma a pari percorso in bici se ne consumano molto meno rispetto alla stessa distanza fatta a piedi perché muovere il proprio corpo in sella ad una bicicletta in pianura richiede meno energia che muoverlo camminando.

Poniamo adesso che il pedone si metta a correre, ad una velocità di circa 11 km/ora, accessibile alla maggioranza dei runner, il suo consumo calorico quasi si triplica e arriva a 870 Calorie in un’ora.

Domanda: a quale velocità dovrebbe muoversi in pianura il suddetto pedone se volesse consumare le stesse calorie in sella ad una bicicletta?

Risposta: circa 30 Km/Ora. Mantenere questa velocità media in aree urbane o extraurbane è abbastanza complicato causa la presenza di numerose rotatorie, semafori e piste ciclabili che impongono dei continui rallentamenti.

Se l’ipotetico pedone che corre volesse consumare le stesse calorie pedalando, ma senza andare forte, dovrebbe avere a disposizione delle salite. Basta infatti affrontare una salita delle pendenza del 7% e percorrerla alla stessa velocità di 11 km/ora di quando corre che vengono consumate le stesse calorie in un’ora.

-------------------------- QUALCHE CHIARIMENTO------------------------

I consumi calorici sopra riportati hanno come riferimento un soggetto che pesa 75 Kg. Se il suo peso fosse maggiore o minore i consumi calorici, a pari velocità a piedi o in bici, cambiano proporzionalmente.

A parità di peso del soggetto i consumi calorici cambiano in proporzione alla durata del lavoro: il pedone di 75 Kg che cammina per 1 Ora consuma 300 calorie circa ma se cammina per 2 ora consuma 600 calorie. A tal riguardo si sottolinea che per consumare calorie non occorre che l'attività venga fatta senza interruzioni. il Pedone o Ciclista che nell'arco della giornata fa 6 cicli di 10 minuti ciascuno consuma le stesse calorie di chi fa un solo ciclo ininterrotto per un'ora.

Colui che coglie ogni occasione della giornata per camminare o pedalare cumula in ogni momento consumo calorico proporzionatale al tempo di attività. Parcheggiare l'auto lontano da luogo dove dobbiamo recarci, fare le scale anziché prendere l'ascensore, camminare per raggiungere un mezzo pubblico ecc, sono tutte attività che a fine giornata si sommano, ai fini del consumo calorico. In pratica il corpo umano si comporta come l'automobile che consuma lo stesso carburante sia che faccia un determinato percorso senza sosta o lo suddivida in più tappe.

Un persona che cammina moderatamente spedito fa circa 100 passi al minuto che sono 6000 in un'ora: che questi passi vengano fatti in una sulla volta o siano frazionati durante tutto l'arco della giornata non cambia nulla ai fini del consumo calorico. Stesso discorso vale per chi pedala.

-------------------------- PER CHI VUOLE SAPERNE DI PIÙ------------------------

Nei ragionamenti fatti sopra si é parlato di calorie consumate, in analogia al modo con cui questo argomento viene divulgato ma, volendo approfondire un pò l'argomento, occorre precisare che nelle pubblicazioni che si leggono si parla genericamente di calorie consumate per svolgere un determinato lavoro muscolare omettendo di specificare che dette calorie rappresentano l'energia occorrente per svolgerlo ma che non coincide con quella effettivamente consumata dal soggetto che lo compie.

Mentre le calorie occorrenti per svolgere un determinato lavoro muscolare sono un fatto oggettivo, numericamente calcolabile e prevedibile, le calorie che consuma il soggetto per svolgere quel determinato lavoro muscolare sono maggiori perché provengono della trasformazione metabolica del cibo in forza muscolare e, come in tutte le trasformazioni energetiche, il rendimento é sempre inferiore a 1 e non sono facilmente calcolabile in via preventiva perché dipendono dall'allenamento del soggetto.

Ad esempio, per correre un'ora occorrono 900 calorie ma il soggetto ne consumerà di più a causa delle 'perdite' che avvengono nella citata trasformazione metabolica: quanto di più ne brucerà dipendono da suo allenamento.

Al principio, quando il soggetto passa da una vita sedentaria al movimento il consumo calorico é massimo ma con il passare dei mesi i muscoli é come se si specializzassero a svolgere quel lavoro e quindi bruceranno meno calorie. Il corpo umano si comporta come qualsisia macchina che a fronte di una energia assorbita( Cibo) produce un certo lavoro (Correre) a meno delle perdite che avvengono nei meccanismi della macchina che nell'uomo sono annidati nel metabolismo. Questa trasformazione, man mano che il soggetto si allena diventa più efficiente e quindi verrà consumato meno cibo per svolgere lo stesso lavoro. La validità di quanto asserito qui chiunque la può verificare se sta attento ai mutamente del suo peso corporeo nel corso del tempo. Il soggetto che passa da vita sedentaria a vita di movimento, se mantiene costante la quantità e qualità energetica della sua alimentazione, nei mesi successivi alla 'nuova vita' perde peso, come tutti sanno.

Molti, però, avranno anche constatato che con il passare del tempo, parte del peso perso viene riacquistato: se non sapevano darsi una spiegazione adesso sanno il motivo.

Quando si riacquista parte del peso perso inizialmente, per effetto dell'allenamento, l'unico modo per riportarlo al valore iniziale consiste nell'incrementare la attività fisica, ridurre il cibo o agire su un mix di questi due fattori.

Riferimenti:

 
Link_to=http://www.ciclistaurbano.net/modulo_inserimento_dati_calcolo_calorie_consumata_bicicletta.html

 
Link_to1=http://www.kreuzotter.de/english/espeed.htm

 
Link_to2=http://www.ciclistaurbano.net/calorie_consumate_dal_pedone.html

 
Link_to3=http://www.my-personaltrainer.it/calorie-sport-consumo.htm

 
Link_to4=http://www.repubblica.it/salute/medicina-e-ricerca/2018/05/27/news/camminare_mantiene_in_salute_il_sistema_nervoso-197345504/?ref=RHPPRT-BS-I0-C4-P1-S1.4-T1

Articolo 903 aggiornato al 2018-05-29

 

Argomenti correlati

Quante calorie si bruciano con la bici?
 
Si bruciano più calorie camminando o andando in bici?
 

Home     Storia     Disclaimer      Contatto   ©2011 ciclistaurbano.net