quello che occorre sapere per usare la bici come mezzo di trasporto e nel tempo libero

MANUALE DEL CICLISTA Click here to  access Bicycle Frame Size Calculator
Tutto quello che vorresti sapere per andare in bicicletta


  Rss Cliccare qui per rimanere sempre aggiornato con le novità del sito Ricevi le news via email

risponde il Comune con l\'azienda idrica per incidente dovuto al dislivello di un tombino

 
In caso di caduta da una bicicletta determinata dal dislivello del manto stradale attorno a un tombino, il cui pericolo non è stato segnalato, a rispondere dei danni sono sia l’azienda idrica appaltatrice sia il comune proprietario, perché entrambi hanno l’obbligo di vigilanza, controllo e manutenzione per l’incolumità del pubblico transito.

È questo il contenuto della sentenza numero 7035 del 2012 della terza sezione civile della Corte di cassazione.

In particolare, i Giudici hanno spiegato che l’impossibilita della custodia non sussiste quando l’evento dannoso si e verificato su un tratto di strada che, posto all’interno della perimetrazione del centro abitato, era adibito al pubblico transito di persone e veicoli e che incombe sul Comune, che pertanto ne conserva la custodia, apporre o controllare che l’appaltatore apponga, se in tal senso e il relativo contratto, adeguata segnalazione a tutela della sicurezza degli utenti a norma degli articoli 8 e l4 Dpr 393/l959, applicabili ratione temporis.

chi compie lavori o ha depositi sulle strade deve:

a) Eseguire i lavori e disporre i materiali con le cautele idonee a mantenere possibile la circolazione e sicuro il transito;

b) Delimitare con opportuni ripari ben visibili gli scavi e gli altri lavori intrapresi;

c)Collocare, in caso di sbarramento o deviazione anche parziale del traffico un numero sufficiente di cavalletti a strisce bianche e rosse;

d) Mantenere costantemente efficienti, durante la notte o in casi di scarsa visibilità, fanali a luce rossa e dispositivi a luce riflessa rossa, in modo che i lavori, gli scavi, i depositi di materiale, i palchi, i cavalletti e gli steccati, che comunque occupassero qualsiasi parte della strada, siano visibili a sufficiente distanza, indicando le direzioni, escluse al traffico, ostacoli sulla carreggiata, diversamente dovendo rispondere, ancorché unitamente all’appaltatore, dei danni derivati a terzi.


 
 
 

Articolo 315 aggiornato al 2014-10-13

Home  -   Chi sono  -    Termini del Servizio   -    Contatto   -   Privacy Policy -    Cliccare qui per rimanere sempre aggiornato con le novità del sito Rss  - ©2011 ciclistaurbano.net