quello che occorre sapere per usare la bici come mezzo di trasporto e nel tempo libero

MANUALE DEL CICLISTA
Tutto quello che vorresti sapere per andare in bicicletta

 

Click here to read English Version of this page to CALCULATE  BICYCLE FRAME SEAT HEIGHT - DISTANCE SADDLE - STEM IN ACCORDANCE WITH Bernard Hinault METHOD  English

 

PROBLEMI E PROPOSTE SULLE PISTE CICLABILI

I contenuti che seguono hanno lo scopo di dimostrare che, a giudizio dell'Autore di questa pagina, le piste ciclabili come vengono fatte in Italia introducono elementi di confusione che non aumentano la sicurezza dei Ciclisti, peggiorano quella dei Pedoni e indirettamente danneggiano in alcuni casi anche Automobilisti e Motociclisti.

I fatti e le considerazioni esposte non provengono da 'un addetto ai lavori' ma da un semplice cittadino nella sua triplice veste di Pedone, Ciclista e Automobilista quindi nessuna polarizzazione ideologia troverà qui il lettore ma solo i frutti della osservazioni che chiunque può fare da se stando sulle strade.

Di seguito vengono illustrate alcune situazioni prese a caso tra le tante che mostrano visivamente i problemi che le piste ciclabili o ciclopedonali creano ai Ciclisti e agli altri protagonisti della circolazione stradale.

1) Qui sotto c'e il tratto terminale una strada extraurbana che si immette in un'altra strada che si vede sullo sfondo.

Il Ciclista che pedala in tutta sicurezza sulla strada, ad un centinaio di metri prima dell'incrocio vede comparire dal nulla un tratto di 100 metri segnalato come 'pista ciclabile'. A termine di legge il Ciclista(i) che magari sta pedalando forte dovrebbe rallentare bruscamente ed immettersi in quel moncone di pista che in pochi metri lo costringe a passare davanti ad un passo carraio con il rischio di essere investiti da un'auto che dovesse uscire e dopo pochi metri passare davanti all'uscita del condominio con il rischio di investire il Pedone che mette anche un solo piede sulla pista.

Nessuno Ciclista esperto e non esperto entra in tale moncone di pista ma il problema rimane: Se il Ciclista fosse investito da un'auto nel tratto di strada antistante il tratto di pista di chi sarebbe la colpa visto che tutti i ciclisti sono obbligati per legge a pedalare sulle piste ciclabili , ove presenti, anche se brevi monconi?

 

Pista Ciclabile a ridosso di Condominio

 

2) Per fare la pista ciclopedonale hanno stretto la strada e adesso il Ciclista esperto pedala male sia sulla strada che sulla pista.

Pista Ciclopedonale realizzata restringendo drasticamente la strada veicolare

La foto qui sopra mostra una strada intercomunale affiancata da una pista ciclopedonale molto larga.

Vediamo la situazione prima che costruissero la pista e dopo aver costruito la pista per capire perché é stato danneggiato il Ciclista Esperto ma anche gli Automobilisiti e Motociclisti

Quando non c'era la pista ciclabile

La strada veicolare aveva una larghezza poco inferiore alla somma dell'attuale carreggiata + la larghezza della pista.

Bici e auto passavano affiancate in tutta sicurezza, l'auto che proveniva da dietro al Ciclista lo poteva sorpassare deflettendo leggermente il volante anche se dalla direzione opposta arrivava un'altra auto: una situazione tranquilla e sicura per il Ciclista e l'Automobilista.

Anche il Motociclista andava bene perché poteva superare una eventuale auto senza neppure entrare nella Corsia di sorpasso.

Dopo la costruzione della Pista Ciclopedonale

Lo spazio della pista é stato trovato restringendo in modo drastico la larghezza della carreggiata per le auto dove ora passano giusto 2 auto in senso opposto. La separazione con il pericoloso cordolo in cemento ha trasformato una sicura strada veicolare in due piste simili a quelle di Go-cart anche perché non si sono limitati a mettere il cordolo ma ci hanno messo anche l'erbetta sottraendo quindi inutilmente almeno 30 centimetri di spazio alla circolazione.

Questo restringimento fa si che se un'auto si trova davanti un Ciclista che non vuole pedalare sulla ciclopedonale non può sorpassarlo se dalla direzione opposta arrivano auto perché manca lo spazio e deve aspettare a fare il sorpasso quando dalla direzione opposta non arrivano auto. Ciò fa arrabbiare alcuni Automobilisti perché vorrebbero vedere i Ciclisti sulla megapista Ciclopedonale.

Se il Ciclista usa la pista invece, alla sera quando torna dal lavoro o la Domenica Mattina, la trova piena di gente che fa footing a gruppi orizzontali, bambini, gente con il cane che impedisce il passaggio veloce della bici per cui per non rischiare investimenti deve per forza andare piano.

Anche le moto sono state danneggiate dal sopraccitato restringimento di carreggiata in quanto adesso se devono sorpassare un'auto devono attendere che dalla parte opposta non arrivi nessuno in quanto la strada stretta li costringe ad occupare l'altra corsia per fare il sorpasso.

Chi ha guadagnato da questa pista? I Pedoni che prima non avevano neppure un marciapiede ma Ciclisti, Automobilisti e Motociclisti sono stati danneggiati.

 

3) Statale Aurelia o Pista Ciclabile?

Pista Ciclopedonale Imperia

La foto sopra mostra la pista ciclopedonale tra Imperia e Sanremo costruita sulla ferrovia dismessa che costeggia la statale Aurelia anche se dalla strada talvolta non si vede.

Se il Ciclista pedala sulla statale potrebbe vedersi multato perché non pedala sulla pista. Se percorre la pista c'e il divieto di superare 20 km/ora messo a seguito dei numerosi investimenti di Pedoni da Parte dei Ciclisti.

Nulla da eccepire sul divieto in quanto la pista é molto percorsa da Pedoni Bambini e cani ma il Ciclista che vuole pedalare forte dove dovrebbe andare?

 

4) Restringimento di carreggiata drastico: ma c'e la micropista che 'salva' il Ciclista

Questa sotto é la strada prima del restringimento: ci passano indisturbati 4 tir affiancati + la bici tanto é larga. Il Ciclista, secondo il codice, in prossimità del restringimento dovrebbe abbandonare la strada principale che consente elevate andature e percorrere circa 50 metri nella micropista raffazzonata e sporca che si vede sotto.

Strada prima del restringimento

Strada molto larga che si restringe drasticamente e mette in difficoltà il Ciclista

 

Strada al restringimento

Restringimento carreggiata

 

5) Il futuro che ci attende: Ciclista solo sulla pista ciclabile e il Pedone cammina in strada?

Quella che segue é una nuova pista ciclabile a uso esclusivo dei Ciclisti che fa intravedere dove arriva lo zelo delle Amministrazioni per soddisfare l'imperante ideologia delle piste ciclabili.

 

IL CICLISTA PROTETTO COME UN BIMBO IN CULLA ( Solo per 2 Km ) E IL PEDONE CAMMINA IN STRADA

 

Le due foto sopra mostrano uno spezzone di pista ciclabile di circa 2 Km che costeggia una strada che esce da un agglomerato urbano a carreggiata ampia dove ai Pedoni non é vietato percorrerla, purché non calpestino la pista ciclabile perché, come come si vede dal cartello di divieto, su tale pista gli unici abilitati ad usarla sono i Ciclisti.

Nei citati 2 Km ai Ciclisti viene fornita una protezione totale, o quasi, perché la pista é segregata da un cordolo in cemento di altezza mai vista che chiunque ci sbatta la testa sopra rimane secco.

Peccato che tale iperprotezione dura poco e il Ciclista si trova dopo meno di 200 metri dal fine della pista, a transitare tra le forche caudine di una rotatoria dove se non la sa affrontare con perizia e decisione rischia di finire all'ospedale.

Dai fatti esposti appare quindi che al Ciclista, che intrinsecamente dovrebbe essere capace di muoversi assieme alle auto gli viene fornita, in modo estemporaneo, una transitoria maggiore protezione perché poi dovrà comunque saper pedalare sulla strada veicolare senza più nessuna pista.

Il Pedone che avrebbe bisogno di maggior tutela viene costretto a camminare sul ciglio della strada come prima che facessero la pista perché lui non la può usare.

Chi ha guadagnato da questa Pista ciclabile?

- I Ciclisti che sono contenti quando pedalano su una pista ciclabile anche se é un breve moncone.

Chi ha perso?

- ll Pedone non ha ne perso ne vinto: é stato beffato perché, mentre viene costretto a camminare sul ciglio della strada, come quando non c'era la pista, permane esposto al rischio di essere falciato da qualche auto e deve assistere ai Ciclisti che pedalano gioiosamente iperprotetti da un invalicabile cordolo.

- I Ciclisti Esperti (Quelli che pedalano forte), ammesso che siano informati che l'obbligo di usare le piste ciclabili, vale anche per loro, sono stati beffati due volte.

Sono beffati una prima volta se quando affiancano la pista la ignorano e continuano a pedalare sulla strada veicolare, nel caso in quel tratto venissero investiti da un altro mezzo, rischiano il Concorso di colpa, per non aver usato la pista, con conseguente rischio di non essere risarciti.

Sono beffati una seconda volta se decidono di usare la pista perché li, a norma di segnaletica esposta all'inizio della pista, non possono superare i 20Km/ora quindi sono costretti a pedalare come chi va a passeggio!

CONCLUSIONI E PROPOSTA

In questa pagina si é cercato di dimostrare che lo sviluppo di piste ciclabili come viene avanti in Italia non va bene perché non aumenta la sicurezza dei Ciclisti, spesso danneggia i Pedoni quando le piste sono sui marciapiedi e quando la strada viene drasticamente ristretta per far posto alla pista limita la fruibilità della strada anche alle auto e moto.

Ma, come si é visto sopra, ci sono altri problemi legati alla assoluta mancanza di standardizzazione nelle realizzazione e nella segnaletica per cui si assiste allo sviluppo di un sistema costoso, confuso ed inefficiente. Una dibattito sulla questione é assente perché oggi il solo fatto di realizzazione una pista ciclabile é considerato un bene in se.

Le considerazioni che seguono rappresentano quindi una visione 'Contrarian' che seppure isolata si spera serva da stimolo a ragionare sulla questione.

***

L'attuale confusione, a giudizio di chi scrive, dipende da un errore di fondo che consiste nel sottrarre la bici dalla strada veicolare e farla circolare con i Pedoni dimenticando che le piste ciclabili ad un certo punto finiscono e il Ciclista viene comunque ributtato a pedalare assieme alle auto e se non se la sente di farlo gli conviene lasciare la bici in cantina perché non é immaginabile un percorso ciclabile totalmente protetto.

Se e vero quanto detto sopra se ne dovrebbe realisticamente prendere atto e cessare fare piste ad uso promiscuo di Ciclisti e Pedoni ritornando a far marciare le bici sulla strada veicolare riservando ad essa sul tracciato della strada la sua zona ove la larghezza della carreggiata lo consenta e dove non lo consente non si fare nulla.

In tal modo verrebbe fatta chiarezza nell'attuale conflitto tra Ciclisti Pedoni e Automobilisti e quasi tutti i problemi sopradescritti verrebbero risolti. ( Il problema si vede bene da questo sito ove arrivano ogni giorno Pedoni investiti da Ciclisti e Ciclisti investiti da auto che escono dai passi carrai e se la cronaca non se ne occupa é perché la questione di norma si risolve al pronto soccorso senza esiti letali).

Basta investimenti di Pedoni sui marciapiede, basta Ciclisti investiti da auto che escono dai passi carrai, basta ambiguità di precedenza Strada/Pista Ciclabile, basta Ciclisti Morsicati sulle piste ciclabili

Si tratta di prendere atto che Ciclisti e Pedoni obbligati per Legge a convivere mal si sopportano.

Il Pedone che viene colto di sorpresa alle spalle da una bici spesso si spaventa e magari viene anche investito se fa uno spostamento orizzontale imprevedibile al Ciclista. ( Il campanello sulla bici é obbligatorio per legge ma non lo usa più nessuno).

I Pedoni mettono in difficoltà i Ciclisti come ad esempio quando sono a spasso sulla pista con il Cane, magari un grosso molosso, talvolta senza guinzaglio che potrebbe azzannare il Ciclista perché eccitato dal movimento della gamba oppure il cane é al guinzaglio lungo 3 metri e il Ciclista deve stare attento a non cadere impigliato. Ma il problema non finisce qui perché se il Ciclista volesse distanziarsi dal cane con una semplice sterzata e sconfinare sulla strada e la pista é segregata da cordoli non lo può fare per cui o accetta il rischio o scende dalla bici, scavalca il cordolo e si mette a pedalare in strada ma qui c'e un'altra trappola perché per legge, tutti i Ciclisti sono obbligati ad usare le piste ciclabili per cui rischia la multa o un risarcimento ridotto se venisse investito da un'auto.

Facendo marciare le bici assieme agli altri mezzi di trasporto i Pedoni (Tutti siamo pedoni) ritornerebbero ad essere i padroni esclusivi dei marciapiede mentre la bici ritornerebbe a muoversi nel loro alveo naturale che é la strada assieme agli altri mezzi di trasporto su un tracciato dedicato ove ne sussista la fattibilità.

Qualcuno potrà obbiettare che in altre parti di Europa le cose non sono come descritto. In paesi come Francia, Germania Austria ove c'è un senso civico più sviluppato le cose vanno meglio ma qui si sta parlando dell'Italia ove il senso civico é tendente a zero e sulla strada vige la legge del più forte.

La scelta di far circolare le bici sui marciapiede é dell'Europa perché nel mondo Anglossasone, tipicamente pragmatico e realista la bici circola sopratutto in strada, seppure su striscia protetta, come mostrano le foto sotto ed questa la scelta che andrebbe fatta anche per l'Italia.

Facendo circolare la bici sempre sulla strada veicolare in corsie ad essa riservata (ove fattibile) ci sarebbero altri vantaggi come questi:

- Risparmi consistenti per i Comuni perché un conto é fare una riga sulla strada altro conto reperire spazi, segregare la pista con i pericolosi cordoli in cemento, ritracciare la strada veicolare se deve essere ristretta ecc.

- Risolto alla radice il problema della pulizia e manutenzione delle piste che ben pochi Comuni fanno con regolare periodicità perché dopo l'innaugurazione di solito la pista viene abbandonata a se stessa con la relativa segnaletica.

- Miglioramento complessivo della sicurezza, fruizione ed aspetto estetico della strada senza i cordoli:

Il Ciclista, in particolare situazioni di emergenza,  come detto sopra,  se non ci fossero i cordoli, con una semplice sterzata invade temporaneamente la strada veicolare se serve ad evitare, ad esempio, l'investimento di un Bambino ma anche le auto si avvantaggiano dalla assenza dei cordoli perché potendo valicare responsabilmente e temporaneamente il confine strada pista ciclabile magari possono risolvere situazioni di emergenza improvvisa come evitare un auto che sorpassa e sta per creare un incidente o un Pedone che attraversa improvvisamente la strada. Restituire alla strada lo spazio occupato dal cemento del cordolo ma spesso molto di più perché la 'creatività' dei comuni li porta spesso a metterci attorno dei sassi decorativi. La rimozione dei cordoli, sostituendoli con una semplice linea a terra, senza inventare nulla, quindi, avrebbe anche un impatti complessivo migliore dell'attuale che fa assomigliare sempre più le strade Italiane ad una immensa pista di Go-cart.

- Minori disagi per il Ciclista e Pedoni quando nevica.

Oggi, infatti, con le piste segregate dalla strada veicolare da cordoli in cemento quando nevica il Ciclista é beffato perché obbligato dalla legge ad usare la pista ma non può farlo in quanto i Comuni a malapena riescono a togliere la neve dalle strade, figuriamoci dalla piste ciclabili.

E nel frattempo che la neve si scioglie il Ciclista cosa fa? Pedala sulla strada veicolare se essa é sufficientemente larga ma nei casi in cui la strada é stata drasticamente ristretta per fa spazio alla pista come nell'esempio sopra é beffato ancora una volta perché con grande rischio si trova a pedalare quasi al centro della strada oppure deve rinunciare a pedalare e prendere i mezzi mezzi pubblici: Che successo le piste ciclabili separate fisicamente dalla strada!

Se invece la pista ciclabile fosse tracciata sulla strada (senza cordoli) essa verrebbe pulita dagli spazzaneve perché strada a tutti gli effetti, al massimo la corsia si potrebbe restringere un pò per effetto della neve spinta ai bordi ma il Ciclista potrebbe comunque pedalare.

****

Qui sotto ci sono alcune immagini di come vengono fatte marciare le bici a Londra, in tre Città degli Stati Uniti che convalidano le asserzioni sopracitate dove si vede che le bici sono sulla strada e non sui marciapiede.

 

L'ultima foto rappresenta una strada Italiana con zona dedicata alle bici, saggiamente non é stata segregata dai pericolosi cordoli in cemento ma essa rimane sempre un palliativo per il fatto che le bici devono transitare vicino a passi carrai e condomini esponendo il Ciclista anche qui ai rischi sopradescritti.

Una pista Ciclabile a Londra

In Italia tutti i giorni ci dicono che non ci soldi ma poi assistiamo alla costruzione di piste ciclabili dove ce la mettono tutta per farle costare tanto segregandole con pericolosi cordoli in cemento dove chiunque ci sbatte la testa sopra rimane secco ma non solo, quando nevica i cordoli non si vedono e diventano causa di incidente non solo per i Ciclisti. Se per fare uno spezzone di 100 metri di pista ci mettono quintali di cemento di cordoli che anche un carro armato li valicherebbe con difficoltà non c'é da stupirsi del dissesto idrogeologico. l'espansione di piste ciclabili segregate da cordoli fa assomigliare i tracciati stradali sempre più a piste di go-cart.

In altri paesi, non vicini alla bancarotta come il nostro, dove potrebbero spendere di più ecco come fanno le piste:

una linea sulla strada e la pista é fatta. La foto a lato mostra una via di Londra dove il 40% va a lavorare in Bici. Pedoni sui marciapiedi e bici assieme alle auto ciascuno sulla sua corsia.

Si noti anche la linea di demarcazione tra Bici e auto: é a tratti e ciò significa che in particolari situazioni di emergenza le auto la possano valicare: Pragmatismo Anglossassone.

Ma ci sono altri stati che fanno le piste dei Ciclisti assieme alle auto cosi come si vede dalle immagini sotto.

 

Corsia Ciclabile Usa

Le tre foto a lato rappresentano piste ciclabili degli USA.

In quel paese hanno spazi che noi ci sogniamo e quindi risulta facile ricavare una zona per le bici.

Quello che si vuole fare notare é che le bici sono assieme alle macchine non ai Pedoni.

Va precisato che la progettazione delle piste per Ciclisti su strada assieme alle auto é molto diffusa nel Mondo Anglosassone ma in Europa vengono spesso adottate soluzioni simili a quelle che si vedono in Italia con Pedoni e Ciclisti fatti marciare assieme, una coabitazione che da noi non funziona.

Corsia Ciclabile Usa
Corsia Ciclabile Usa
Pista Ciclopedonale Italiana

Questa a fianco é una versione Italiana delle piste Ciclabili USA viste sopra ma che riproduce quasi tutti i problemi descritti in questa pagina.

Ecco i soliti problemi:

1) Segnaletica che abilita Pedoni e Ciclisti a percorrerla, ergo conflittualità garantita tra Ciclisti e Pedoni come detto sopra.

2) Passaggio a raso di molti passi carrai e abitazioni dai quali incombe sul Ciclista la collisione con le auto che escono dai caseggiati e il rischio di investimento del Pedone che da essi esce.

Argomenti correlati:

  • Home     Storia     Disclaimer      Contatto   ©2011 ciclistaurbano.net