quello che occorre sapere per usare la bici come mezzo di trasporto e nel tempo libero

MANUALE DEL CICLISTA
Tutto quello che vorresti sapere per andare in bicicletta

 

Click here to read English Version of this page to CALCULATE  BICYCLE FRAME SEAT HEIGHT - DISTANCE SADDLE - STEM IN ACCORDANCE WITH Bernard Hinault METHOD  English

 

10 Regole per pedalare in gruppo come dei Professionisti

Di Simeon Green • PezCycling News


Ci sono una serie di regole base da seguire per poter correre correttamente in gruppo ma è sorprendente quanto poche siano le persone che le conoscano.


Potreste pensare che questo non vi riguardi; dopo tutto, siete in prima categoria, e avete vinto i campionati del mondo della Domenica.... quindi, come ho detto, è sorprendente quanto poche siano le persone che sanno pedalare in gruppo. Se avete appena cominciato a fare questo sport, leggere questo vi aiuterà la prossima volta che correrete in gruppo; se invece lo praticate da tempo, dovrebbe esservi utile come  riassunto di quello che già sapete.

 

Regola n.1:  Non é una gara

Una uscita in gruppo NON é una gara. Non dovete "attaccare" dalla testa del gruppo o cercare di dimostrare a tutti quanto siete forti. Per fare quello ci sono le gare.

 

Regola n.2.  Manubrio contro manubrio

Questa è probabilmente la regola più importante. Ogni volta che si pedala in gruppo , si dovrebbe stare due a due, fianco a fianco (con solo pochi centimetri tra voi, non c'è bisogno che ci passi un autobus tra voi e il corridore accanto a voi) e si dovrebbe essere perfettamente manubrio contro manubrio.

tt

 

 


Mai fare uno sprint e interrompere il flusso. Anche se siete in prossimità di una curva, state fianco a fianco e girate come una macchina ben oliata. Correre con il manubrio avanti rispetto a quello del corridore accanto a voi si chiama "andare a mezza ruota", ed è un grosso passo falso.

Sta a voi tenere il passo del corridore più lento accanto a voi. E per carità, tenete il lato della strada, non c'è bisogno di occupare tutta la corsia e infastidire gli Automobilisti.
Come per ogni cosa, vi è una eccezione alla regola. Se c'è un numero dispari di corridori nel gruppo e non avete nessuno al vostro fianco, dovreste inserirvi tra i due corridori davanti a voi, con la ruota anteriore tra le loro due ruote posteriori.


Questo permette ai corridori dietro di voi di rimanere manubrio contro manubrio e di tenere il gruppo saldamente insieme. I corridori dietro di voi dovrebbero stare con le ruote anteriori su entrambi i lati della vostra ruota posteriore. Non va bene stare direttamente dietro al corridore davanti a voi e lasciare uno spazio al vostro fianco.
 

tt


Ora, prima che vi scaldiate e diciate che correre a cavallo tra le ruote dei corridori davanti non è sicuro, vorrei sottolineare che se tutti pedalano tenendo manubrio contro manubrio come dovrebbero, potete star certi di avere uno spazio di manovra della larghezza di un manubrio, e questo dovrebbe essere più che sufficiente. Quindi, anche se i due corridori davanti a voi si toccano, dovreste avere abbastanza spazio. State tranquilli, è una posizione sicura.

 

Regola n.3: Staccarsi dal gruppo

Quando siete stanchi di pedalare davanti e vi sembra ora di andare indietro, assicuratevi che il corridore al vostro fianco lo sappia.  Una volta che vi siete messi d'accordo su cosa fare, controllate rapidamente che non ci sia nessuno che si sovrapponga alla vostra ruota posteriore, quindi entrambi spostatevi lentamente e gradualmente verso l'esterno e lasciate passare il gruppo in mezzo.  Non virate a lato improvvisamente; staccatevi gradualmente e con calma.

 

Regola n.4: Passare avanti

Quando i due corridori davanti a voi si staccano, è compito vostro passare avanti e tirarvi dietro il gruppo.  Se non volete andare davanti perchè siete stanchi o meno in forma del resto del gruppo, ormai è troppo tardi.  Se siete in seconda linea, dovete passare alla testa.
Non accelerate e non uscite dalla formazione manubrio contro manubrio.  Mantenendo una velocità costante, infilatevi nello spazio e passate alla testa (vedi sotto).  Quando i due corridori davanti a voi si staccano, non rallentate guardandovi attorno come se non sapesti perchè mai si stiano staccando.  Mantenete la velocità e passate avanti senza esitazione.

 

tt

Regola n.5: troppo stanco per passare in testa

Se non volete andare in testa, state dietro e lasciate che i corridori che stanno scalando dalla testa del gruppo si infilino davanti a voi.  Non va bene continuare ad andare avanti per poi guardarsi intorno persi e confusi e rallentare perchè non si è abbastanza in forze per essere davanti.

Se per qualsivoglia motivo vi trovate in testa, andate avanti e fate quella che si chiama una 'tirata simbolica'.  Andate in testa per qualche secondo, accordatevi con il corridore a fianco a voi di staccarvi entrambi e andate indietro.

 

Regola n. 6: Buchi nel gruppo

Non dovrebbero esserci 'buchi' quando si pedala in gruppo.  Appena vedete un 'buco', colmatelo con movimenti calmi e regolari.  Non c'è bisogno di scattare e poi frenare bruscamente, colmate questi buchi gradualmente appena li vedete.

 

Regola n.7: Muoversi all'interno del gruppo

Se dovete andare in fondo al gruppo o avete bisogno di allontanarvi dal ciglio della strada perchè è danneggiato o ostruito, fatelo in modo regolare.  La chiave del pedalare in gruppo è fare le cose gradualmente e in modo regolare.
Anche se c'è un corridore a fianco a voi quando vi muovete verso il lato della strada, se lo fate gradualmente l'altro ciclista avrà tempo di seguire le vostre mosse con naturalezza.  Se fate qualcosa all'improvviso probabilmente causerete un incidente.  Questo è importante da capire anche nel caso in cui vi stacchiate o colmiate un buco.

 

Regola n.8: Ostacoli e segnalazioni manuali

Dunque, questa è una regola molto importante.  Ho visto di recente, sia negli Stati Uniti che in Australia, che i ciclisti in gruppo hanno preso l'abitudine di urlare. Non sono sicuro da dove venga tale abitudine, quindi cerchiamo di chiarire le cose.
Quando vedete una buca sulla strada, non va assolutamente bene urlare “Buca!” a squarciagola e poi evitarla all'ultimo momento. Anche urlare “Sto rallentando!” non va bene se state rallentando.  Se non capite che il corridore davanti a voi sta rallentando, forse è meglio che vi diate al Monopoli la domenica pomeriggio. 

Si dovrebbe avvertire che c'è un ostacolo solo con una segnalazione manuale.  Ciò non vuol dire indicare qualcosa per 5 minuti dopo che lo avete superato.  Quando vedete un ostacolo sulla strada avanti a voi, muovete la mano verso il basso e fate un segnale che consenta ai corridori dietro di voi di sapere da che parte andare per evitarlo. Solitamente un veloce movimento laterale della mano è abbastanza.
Se notate l'ostacolo solo all'ultimo momento, passateci sopra!  Meglio forare che far cadere tutto il gruppo. A proposito di ostacoli, è meglio indicare solo quelli che vale la pena di indicare.
“E quali ostacoli vale la pena di indicare?” . Semplice.  Vale la pena indicare qualsiasi oggetto che potrebbe comportare danni a biciclette o persone dietro di voi.  Per favore, non indicate tombini a meno che siano infossati nel terreno o con fessure pericolose, e non indicate foglie o piccole crepe nell'asfalto, e di certo non indicate ostacoli nella corsia accanto.

Regola n.9: Urlare No!

Come detto sopra, non si deve assolutamente urlare.   Non si vedono mai professionisti in giro per l'Europa durante I loro allenamenti pre-stagione che urlano "Macchinaaaaaaaaaa...Bucaaaaaa....Ghiaiaaaaa...Semaforo rossoooooooo!"
Il problema è questo:  quando siete a più di due corridori di distanza dalla persona che urla, potete solo sentire un urlo indistinto e incomprensibile.   E così quando tutti dovrebbero tenere gli occhi aperti e notare cambi di velocità e ostacoli in genere, improvvisamente la maggior parte dei ciclisti si mettono a guardarsi intorno chiedendosi di quale ostacolo si tratti.
Infatti nessuno sa se avete appena urlato “Buca!” e non l'avete indicata, così che alcuni ciclisti si mettono a scrutare il terreno a destra e a manca cercando una buca immaginaria.  Altri corridori allungano il collo pensando che abbiate urlato “Macchina!”, e altri si guardano indietro pensando che abbiate urlato “Giorgio ha foratoooo!”.  Urlare è assolutamente vietato!

 

Regola n. 10: rallentare e regolare la velocità

Questa è probabilmente la maggior causa di incidenti quando si pedala in gruppo.  Per qualche strana ragione, quando qualcuno rallenta davanti a loro, molti ciclisti si buttano sui freni e li schiacciano fortissimo, così da quasi slittare e far cadere tutto il gruppo.
Si dovrebbe pedalare appena a lato del corridore davanti, così che quando rallenta voi potete o smettere di pedalare e leggermente sovrapporre la vostra ruota anteriore con la sua posteriore, o azionare I freni con regolarità, usando ancora la sovrapposizione delle ruote come cuscinetto per non rallentare troppo improvvisamente per I corridori dietro di voi

Queste potrebbero sembrare un mucchio di regole inutili da 'mocciosi europei di vecchia scuola' (ndr: ma non gli abbiamo insegnato noi il Ciclismo?), ma provengono da principi molto semplici di sicurezza generale per pedalare in gruppo.  Quindi rispettatele e passate parola ai nuovi arrivati a questo sport.
Per qualsiasi ciclista professionista degno di questo nome, queste non sono neanche da considerare regole.  Sono movimenti istintivi e parte naturale del ciclismo.

 

Pedalare in Gruppo e codice della strada

Questo bel vademecum sulla pedalata in gruppo affiancati il codice della strada non lo consente in Italia a chi non si trova in competizioni organizzate ed autorizzate.

Ecco come devono stare tra loro tutti i Ciclisti non in gara:

Art. 182. Circolazione dei velocipedi. 


1. I ciclisti devono procedere su unica fila in tutti i casi in cui le condizioni della circolazione lo richiedano e, comunque, mai affiancati in numero superiore a due; quando circolano fuori dai centri abitati devono sempre procedere su unica fila, salvo che uno di essi sia minore di anni dieci e proceda sulla destra dell’altro.

Non basta il Citato articolo per tarpare gli entusiasmi dei Cicloamatori ma c'e anche quello che stabilisce che se i Ciclisti pedalano su una strada affiancata da una pista ciclabile o ciclopedonale devono abbandonare la strada veicolare ed inforcare la ciclabile, magari affollata di pedoni e nonnetti a spasso con il cane, ecco l'articolo:

ART 182 /9: I velocipedi devono transitare sulle piste loro riservate quando esistono, salvo il divieto per particolari categorie di essi, con le modalità stabilite nel regolamento. (Il regolamento non esiste)

Con i citati articoli si fa di tutto per ostacolare la pratica del Ciclismo su strada dei Cicloamatori: Cliccare qui per saperne di più.

Home     Storia     Disclaimer      Contatto   ©2011 ciclistaurbano.net